Close
  • +39 348 0428929
  • info@albertocitterio.it

19 Giugno 2016

Contratture: cosa sono, come si risolvono.

“Buongiorno Signora Ada. Mi dica: dov’è che le fa male?”cervicale

“Mi fa male qui, proprio dove c’è questo cordone duro”

“Signora Ada, lei ha proprio una forte contrattura!”

«La contrattura muscolare è un’alterata capacità contrattile delle fibre muscolari.»

Significa che il tessuto muscolare non è più in grado di avvicinare i due capi ossei ai quali è fissato, dal momento in cui si trova già in una situazione di perenne accorciamento.

  • Perché il muscolo si contrae (accorcia)?placca neuromuscolare

Le fibre contrattili del muscolo non decidono autonomamente di accorciarsi, ma eseguono l’ordine di contrarsi.

Sono come un motore: svolgono l’azione che viene loro imposta.

  • Chi comanda il muscolo?

Il muscolo è sotto il controllo del Sistema Nervoso Centrale (SNC)

  • Perché il Sistema Nervoso Centrale (SNC) tiene un muscolo contratto?

Il Sistema Nervoso Centrale modula il tono muscolare (lo stato di leggera attivazione perenne del muscolo) per guidare le articolazioni.

Grossolanamente possiamo affermare che le stimolazioni che arrivano al muscolo possono essere di tipo volontario (per provocare un movimento) o di tipo non volontario e/o posturale.

Una contrattura muscolare non è sicuramente di origine volontaria (anche perché essendo essa spesso dolorosa, non sarebbe molto intelligente mantenerla da parte del SNC).

Il Sistema Nervoso Centrale gestisce la lunghezza del muscolo avendo coscienza dello stato di allungamento e dello stato di tensione iniziale dello stesso.

fuso neuromuscolareNella maggior parte delle contratture è a questo livello che avviene l’errore: i “sensori” (fibre intrafusali) che danno le informazioni del muscolo possono perdere la loro sincronizzazione e dare informazioni sbagliate al SNC che a sua volta, non conoscendo l’esatta situazione di lunghezza del muscolo, gestirà in maniera errata la tensione muscolare instaurando una contrattura.

Per liberarsi quindi della contrattura bisognerà resettare e ricalibrare il sistema di controllo del muscolo.

  • Come decontrarre un muscolo?

Ci sono vari rimedi: un massaggio, un’applicazione di calore, stimolazioni cutanee con dei cerotti, alcune stimolazioni elettriche e vibratorie aiutano a decontrarre il muscolo.

La risoluzione risulta però parziale: una volta terminata l’applicazione del rimedio, il muscolo tenderà a tornare nella tensione impostata dal SNC, reinstaurando la contrattura.strain-counterstrain

Per una risoluzione ottimale del problema è necessario ricalibrare quei “sensori” (fibre intrafusali) all’interno del muscolo.

La modalità principe per ottenere un rilascio muscolare definitivo è trattare il muscolo con tecniche di Strain Counterstrain elaborate dal dottor Jones.

Share